MAESTRO DI TE STESSO

Studiare musica con un buon insegnante è di fondamentale importanza, ma purtroppo non sempre potrai averlo a tua completa disposizione. Sicuramente le sue lezioni ti aiuteranno a migliorare, ti incoraggeranno e ti sproneranno nel raggiungimento di determinati risultati, ma il grosso del lavoro devi continuarlo tu, a casa tua, da solo. Il maestro a lezione può darti gli strumenti giusti, giuste informazioni ed efficienti consigli, ma se vuoi davvero raggiungere importanti obiettivi devi assolutamente cercare di diventare tu stesso il tuo miglior maestro. Di seguito troverai alcuni consigli che spero ti ritorneranno molto utili nello studio giornaliero e ti aiuteranno a diventare un musicista migliore.

 

Informarti

Utilizza gli strumenti a tua disposizione. Considera l'ampia varietà di strumenti tecnologici che oggi abbiamo a nostra disposizione; non ci sono scuse per essere disinformati. YouTube è uno strumento meraviglioso, grazie all'ampia varietà di video nei quali si discute di tutto, dalla teoria musicale, alla manutenzione del tuo strumento, dagli esercizi ritmici agli accorgimenti tecnico-strumentali. Da aggiungere alle vostre risorse sono sicuramente le registrazioni di grandi musicisti (disponibili anche gratuitamente in giro per la rete), forum musicali, blog ed interessanti articoli sparsi per tutto il web. MA ATTENZIONE! Sebbene internet sia un potente strumento per imparare da soli, è ad esclusiva responsabilità di chi lo usa decidere se le informazioni che trova sono giuste, accurate ed utili (es. "Trumpet Tips" presente su YouTube è palesemente una satira!). Per cui confrontati sempre con qualcuno più esperto di te.

Fai domande. Non aver paura di chiedere e di relazionarti con gli altri strumentisti e musicisti in generale. Le possibilità possono essere diverse: a scuola, alla banda, in un gruppo di musicisti professionisti della tua zona, ai concerti. Questi sono dei fantastici luoghi dove iniziare a cercare dei mentori musicali o degli insegnati di qualità. I forum che ci sono in giro per il web (molti frequentati anche da professionisti di chiara fama) hanno un clima abbastanza amichevole dove potrai chiedere curiosità e consigli, oltre che a trovare utili informazioni. Approfittane!  

 

Esercitati

Poniti un obiettivo alla volta. Prendi un aspetto del tuo suonare e focalizzati su di esso (staccato, legato, ritmo, cantabilità, intervalli, intonazione, etc.). In generale, le cose più difficili hanno bisogno di più tempo e più attenzione per essere migliorate. Focalizza la tua attenzione e le tue energie sugli aspetti del suonare che non ti riescono con facilità, una cosa alla volta, evitando di studiare molte cose tutte insieme con risultati non proprio eccezionali. 

Sviluppa un piano. Prendi la buona abitudine di avere un diario di studioInizia le tue sessioni con un piano dettagliato di come andrai ad impiegare il tuo tempo con lo strumento, durante l'arco della giornata o durante l'intera settimana. Ancora meglio se il piano giornaliero lo scrivi su di un foglio e lo appendi al muro della camera dove ti eserciti, in modo da poterlo vedere facilmente durante la giornata. Poniti degli obiettivi realizzabili a breve ed a lungo termine, e tieni traccia dei tuoi miglioramenti nel tempo (scrivili!), assicurandoti di raggiunge, entro una data di scadenza, gli obiettivi che ti sei posto. 

Datti da fare. Dopo aver finito di preparare il tuo piano per migliorare, devi assolutamente metterlo in pratica passando all'azione!  Qualità più che quantità è sempre la soluzione migliore in ogni sessione di studio e ricorda che non ci sono scorciatoie per raggiungere i risultati più importanti. Stai sempre super-concentrato; questo è l'unico segreto per ottenere velocemente risultati.  

Analizza e valuta. Fai un passo indietro per analizzare i tuoi progressi. I tuoi sforzi hanno prodotto i risultati desiderati o c'è bisogno di qualche altro accorgimento per il tuo piano? Un efficiente strumento per migliorare da solo è il registratore. Lo puoi avere sicuramente o sul tuo smartphone o sul tuo PC, oppure puoi investire qualche soldino per comprarne uno di qualità (la Zoom fa veramente ottimi prodotti). Anche se spesso può essere scoraggiante riascoltarsi, io invece lo ritengo un modo davvero utile per migliorare e per auto-valutarsi; si sa che con noi stessi siamo fin troppo critici e questo non può essere altro che un bene.

 

Diventare maestro di te stesso può essere davvero stimolante e gratificante. Selezionare piccoli obiettivi, sviluppare un piano dettagliato, e impegnarsi senza sosta nel raggiungimento dei propri risultati, può essere più facile e divertente con questi piccoli suggerimenti. Combinando il tutto con un giusto mix tra atteggiamento positivo ed un orecchio critico, qualsiasi studente può ottenere importanti risultati, migliorando da solo con il proprio strumento. E ricorda che il miglior maestro che tu possa avere sei soltanto TU.